DSC00035

Come orientarsi al meglio

COME ORIENTARSI AL MEGLIO PER FREQUENTARE UN CORSO DI KITESURF A ROMA ED IMPARARE SENZA PROBLEMI

Diffidare innanzitutto di chi è privo di credenziali e si improvvisa istruttore di kitesurf, senza avere un brevetto da istruttore e quindi la necessaria competenza ed esperienza. Purtroppo si incappa spesso in sedicenti istruttori semi incapaci, che non possiedono una specifica copertura assicurativa e non hanno modo di fornirla ai propri malcapitati allievi. L’aspetto piu’ preoccupante è che la sicurezza viene sistematicamente trascurata e si fa a meno dell’attrezzatura specifica, indispensabile per un corretto e sicuro insegnamento. Il kitesurf infatti, è una una disciplina seria ed impegnativa che si tiene in mare, un elemento già di per sè pericoloso e non può e non deve essere trasmessa, da chi non ha mai frequentato un idoneo tirocinio e/o non ha l’esperienza e la serietà necessarie per farlo. Gli istruttori di kitesurf devono essere esperti e pronti ad ogni evenienza, a tutela dell’incolumità degli allievi, sotto l’aspetto sia fisico che psicologico. E’ inoltre molto importante che gli allievi, la scuola e/o l’istruttore, siano assicurati per eventuali sinistri, che si possono subire o provocare a terzi anche durante le lezioni stesse. Frequentare un corso presso una scuola organizzata che si avvale di istruttori certificati, consente di acquisire correttamente le basi di questo accattivante sport senza esporre se stessi e gli altri ad inutili rischi.

Ottenere il brevetto con la certificazione di un livello adeguato, permetterà di veder ufficialmente riconosciute in Italia e nel mondo, le proprie capacità di kiteboarder. Il tesserino assicurativo rilasciato dall’Associazione della propria scuola, consentirà inoltre di accedere e frequentare le aree riservate al kitesurf in tutta italia e all’estero, se in possesso dell’idoneo livello richiesto.

IL DECALOGO DELL’ALLIEVO DI KITESURF

  1. Il mare merita grande rispetto: impara a conoscerlo e a non sfidarlo!!!
  2. Il kitesurf non è un gioco: è uno sport potenzialmente molto pericoloso!!!
  3. E’ molto pericoloso fare l’autodidatta: la tua e l’altrui incolumità, vale molto di più del costo di un corso!!! 
  4. Non ti affidare ad amici o a sconosciuti non istruttori: non sono attrezzati, assicurati e ignorano del tutto il corretto standard di insegnamento!!! 
  5. Frequenta un corso presso una scuola seria con istruttori certificati e chiedi prima se ti verrà rilasciato il brevetto!!! 
  6. Chiedi in giro referenze e feedback sulla scuola che hai scelto e sui suoi istruttori!!!
  7. Impara e rispetta sempre le norme di sicurezza!!!
  8. Dopo il corso base frequenta un corso di perfezionamento e non utilizzare materiali incompleti, obsoleti o sfruttati!!!
  9. Riconosci il tuoi limiti tecnici e fisici prima di affrontare in mare condizioni impegnative!!!
  10. Assicura il rischio per infortunio personale e per la responsabilità civile: esigi il tesserino assicurativo dalla scuola!!! 

QUALI SONO I MASSIMI E PIU’ DIFFUSI RAPPRESENTANTI DELLA DIDATTICA DEL KITESURF IN ITALIA E NEL MONDO?

  • FIV è la Federazione Italiana che dal 1° Gennaio 2012 disciplina il kitesurf in Italia
  • IKO è la più importante e diffusa organizzazione per il kitesurf a livello internazionale

Perchè FIV?

La FIV ha lo scopo di promuovere, propagandare, organizzare e disciplinare l’attività velica e in particolare lo Sport della Vela in tutte le sue forme, compresa l’attività windsurfing, kitesurfing e paralimpica. Le discipline velico-sportive praticate sono quelle dello Sport della Vela, definite ufficialmente e riconosciute dalla International Sailing Federation – ISAF. Essa è l’Autorità nazionale per lo Sport della Vela; è affiliata all’ISAF – International Sailing Federation – della quale riconosce, accetta e applica lo Statuto e i regolamenti in quanto in armonia con le deliberazioni e gli indirizzi del CIO e del CONI; è dalla stessa ufficialmente riconosciuta quale unica rappresentante per l’Italia in campo nazionale e internazionale per lo svolgimento dell’attività velica. E’altresì affiliata all’EUROSAF – European Sailing Federation – quale unica ufficiale rappresentante per l’Italia. E’ altresì riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, come Ente di riferimento per lo sviluppo della cultura nautica (art. 52 D. Lgs. n. 171/2005) e Centro di istruzione per la nautica (art. 1 D.M. 25.2.2009. Sono di esclusiva competenza della FIV l’attività velica dilettantistica e quella professionistica, nonché la formazione e l’abilitazione dei Tecnici, degli Stazzatori, degli Ufficiali di Regata e degli Organizzatori delle manifestazioni veliche. L’attività dilettantistica è disciplinata dalla FIV seguendo i principi della Carta Olimpica; l’attività professionistica, nel rispetto dei principi posti dalla Legge 23 marzo 1981 n. 91 e successive modificazioni, sarà introdotta, previa autorizzazione del Consiglio Nazionale del CONI, in presenza di una notevole rilevanza economica, ove tale attività venga ammessa e disciplinata da apposita regolamentazione dell’ISAF, adottata dalla FIV ed approvata dal CONI.

Perchè IKO?

IKO, International Kiteboarding Organization, è un organizzazione indipendente e internazionale fondata nel Novembre 2001, al fine di promuovere il kitesurf in tutto il mondo. Attraverso lo sviluppo di una rete professionale di centri kite affiliati, di istruttori certificati dagli esaminatori istruttori, IKO assicura un alto livello di insegnamento, con standard riconosciuto ed applicato in tutto il mondo. Dal 2001 IKO ha certificato oltre 410.000 kiteboarders, ad una media di oltre 40.000 nuovi certificati ogni anno sviluppando in 38 nazioni, una rete con più di 130 centri Kite affiliati, 20 istruttori esaminatori, più di 4000 istruttori certificati.

Per saperne di più: http://www.ikointl.com/ 

Tutti gli istruttori certificati IKO, sono muniti di diploma di primo soccorso. Devono inoltre rinnovare periodicamente il proprio status, che deve essere attivo. Tutti i dati relativi all’istruttore, sono riportati sulla sua “Pro Card IKO” (tesserino di riconoscimento). Ogni istruttore IKO è inserito in una graduatoria divisa per nazioni, visibile sul sito della IKO (http://www.ikointl.com/), dove sono indicati lo status e il livello raggiunto.

 

BRAND UFFICIALI FLYING ZONE:

RRD – UNDERWAVE  – HYDRO